Nefropatia diabetica

4/5 - (3 votes)

Malattia renale nei diabetici: una malattia comune

Mentre il diabete da solo può essere un grande fardello per molte persone, spesso può essere complicato da altre condizioni mediche causate dal diabete. La malattia renale nei diabetici è una causa comune di complicazioni di salute per le persone con diabete. Infatti, tra tutti i casi di insufficienza renale, la singola causa più comune è il diabete. Il diabete può portare a malattie renali croniche e, se non trattato adeguatamente, può causare molti problemi che in alcuni casi possono essere fatali. Anche quei diabetici che gestiscono al meglio la loro malattia possono incorrere in malattie renali. Ciò significa che se sei una persona con diabete che soffre di malattie renali croniche, non sei necessariamente da biasimare. Puoi fare tutto secondo i libri, tutto ciò che il tuo medico ha suggerito e puoi ancora sviluppare una malattia renale cronica. Se qualcuno soffre di insufficienza renale, in genere dovrà sottoporsi al processo medico noto come dialisi. La dialisi è un modo essenzialmente per pulire il sangue. In alcuni altri casi, casi più gravi, le persone dovranno ricevere un trapianto di rene. Questi trapianti provengono da donatori. La malattia renale nei diabetici è più comune in alcuni dati demografici rispetto ad altri, per ragioni di cui gli scienziati non sono ancora del tutto sicuri. Ad esempio, gli individui afroamericani e ispanici sono in genere a più alto rischio di sviluppare il diabete e successivamente una malattia renale cronica rispetto agli individui caucasici. Mentre tutti devono essere estremamente attenti con il proprio corpo ed essere consapevoli di eventuali potenziali problemi di salute, queste persone che corrono un rischio maggiore devono essere ancora più attente. Prendere in considerazione la storia familiare di qualcuno di diabete e malattie renali croniche è un'altra cosa importante da considerare. La malattia renale nei diabetici è abbastanza comune, quindi ci sono linee guida per assicurarsi che i diabetici abbiano reni sani. Molti programmi sanitari nazionali hanno raccomandazioni simili, ma l'American Diabetes Association, nota anche come ADA, raccomanda che le persone con diabete abbiano un test di funzionalità renale noto come test della velocità di filtrazione glomerulare stimato almeno una volta all'anno. Questo è il minimo per tutte le persone che soffrono di diabete e le persone che hanno una storia familiare di malattia renale cronica o malattia renale nei diabetici dovrebbero eseguire questo test più frequentemente, se possibile. Oltre alla velocità di filtrazione glomerulare, un'altra cosa che dovrebbe essere osservato da un operatore sanitario o da un medico specialista è il livello di albumina nelle urine. Questi due livelli sono estremamente importanti per rilevare la malattia renale cronica nei diabetici. Se la malattia renale cronica nei diabetici viene rilevata abbastanza presto, può essere trattata molto meglio che se fosse rilevata in seguito. Una corretta gestione del proprio diabete è una parte estremamente importante dell'avere il diabete, e se la tua famiglia ha una storia di malattia renale cronica, allora è ancora più importante. Non deve essere preso alla leggera in quanto è la tua salute generale e il tuo benessere con cui hai a che fare. Il motivo per cui i diabetici sono più suscettibili alle malattie renali croniche è dovuto al fatto che alti livelli di glucosio nel sangue possono danneggiare parti dei reni. In particolare, livelli elevati di glucosio nel sangue danneggiano i vasi sanguigni che si trovano nei reni. Come forse già saprai, i reni hanno lo scopo di filtrare il sangue, quindi se sono danneggiati, non filtreranno bene come dovrebbero. Sebbene possa iniziare in modo abbastanza lieve, la malattia renale nei diabetici può progredire gradualmente e portare a un'insufficienza renale conclamata. Questo è spesso chiamato insufficienza renale. Se la malattia renale cronica arriva a questo punto, sarà necessario che l'individuo si sottoponga a dialisi o, in mancanza, avrà bisogno di un trapianto di rene da un donatore sano. I trapianti di rene possono richiedere molto tempo per ricevere e anche se ne ricevi uno, può fallire. Ecco perché è una buona idea prendersi cura dei propri reni molto prima che arrivi a quel punto. Per prendersi cura dei propri reni, è essenziale monitorare molto da vicino il proprio diabete. Assicurati che i tuoi livelli di glucosio nel sangue siano al livello suggerito dal tuo medico. Anche la pressione sanguigna è una cosa molto importante da considerare e il medico sarà in grado di dirti la pressione sanguigna corretta per te. Come puoi vedere, la malattia renale nei diabetici è un serio problema di salute che colpisce molti diabetici in tutto il mondo. Prenditi cura del tuo corpo prima che sia troppo tardi!

Diabete e altre principali cause di malattia renale cronica

Ci sono così tante idee sbagliate comuni sul diabete e sulla linea retta verso la malattia renale cronica che sembra che le scuole dovrebbero davvero iniziare a introdurre lezioni sull'assistenza sanitaria e su cosa possiamo fare per prevenire malattie come queste. Ci sono molte persone che pensano che si possa convivere molto bene con il diabete e che non ci sia nulla di cui preoccuparsi o che non cambi un molto la vita di una persona, se si assumono i farmaci giusti ed evitano il cibo sbagliato. Tutto ciò è causato da una grave incomprensione dei sintomi della nefropatia diabetica e di ciò che sta accadendo all'interno del corpo quando si verificano. Le persone di solito pensano che la maggior parte dei casi di malattia renale cronica sia causata da persone che non bevono abbastanza acqua e che l'unica funzione dei reni sia quella di eliminare l'eccesso di liquidi nel corpo. Con sorpresa degli esperti di fisiopatologia della nefropatia diabetica, la funzione di purificazione dei reni dal corpo li sfugge completamente, facendo sembrare ancora migliore l'idea di educazione medica a scuola. Le persone con diabete che iniziano ad avere problemi ai reni si evolveranno lentamente ma sicuramente verso l'insufficienza renale. Inizieranno a pulire il sangue con la dialisi e col tempo perderanno la completa funzionalità renale. Oltre al diabete, ci sono altri fattori che possono anche portare a malattie renali croniche: Alta pressione sanguigna – i vasi sanguigni di tutto il corpo sono danneggiati, compresi quelli del rene; Cisti sui reni – provocano l'allargamento dell'organo, interferiscono con le normali funzioni renali e possono anche danneggiare gli organi vicini; Infezioni e altre malattie dei reni – le infezioni possono iniziare in basso nel tratto urinario e aumentare nel tempo e con episodi ripetuti. Più sono alti, più sono vicini ai reni e una volta arrivati possono cicatrizzare i reni e influenzare la loro funzione; L'ostruzione dell'arteria renale – l'ostruzione del libero flusso di urina fa sì che il rene trattenga l'acqua come una spugna; Avvelenamento da piombo – provoca la disfunzione dei tubi renali che può portare a nefrosi e ad altri tipi di malattie renali croniche; Consumo di farmaci come l'aspirina o il paracetamolo: sono dannosi per molti organi. Sebbene la malattia renale nei diabetici sia così comune, i reni possono anche essere influenzati da una serie di altri fattori, poiché è un organo piuttosto sensibile con una funzione vitale. Se solo pensiamo al fatto che, per sostituire la funzione renale, l'uomo ha inventato e costruito un intero dispositivo per pulire il sangue e ristabilire i livelli necessari di sostanze nell'organismo, ci viene da pensare a quanto siano sorprendenti questi piccoli gli organi sono, e dovrebbe renderci più consapevoli la loro importanza. La nostra salute generale significa più che tenersi alla larga dalle principali malattie, significa anche evitare quelle piccole cose che, nel tempo, possono portare a gravi problemi come l'insufficienza renale cronica.

Il miglior trattamento per la chetoacidosi diabetica

Per le persone con diabete, la vita può essere un po' più complicata rispetto ad altre persone a volte. Ci sono un'ampia varietà di particolari problemi di salute che possono verificarsi a causa del diabete e la chetoacidosi diabetica, a volte abbreviata in DKA, è uno di questi. La maggior parte delle persone che soffrono della pericolosa chetoacidosi diabetica sono persone a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1, ma non è sempre così. È abbastanza raro, ma alcuni individui a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 riceveranno anche chetoacidosi diabetica. In questo articolo discuteremo del trattamento e della gestione della chetoacidosi diabetica, oltre a spiegare cosa significa darti una migliore comprensione se ti è stata diagnosticata o anche se vuoi semplicemente essere al top della tua salute. La chetoacidosi diabetica è causata da un apporto insufficiente di insulina per il corpo. Per compensare questa ridotta quantità di insulina, il corpo umano inizierà a produrre chetoni acidi, come risultato della combustione di un numero eccessivo di acidi grassi. Se hai il diabete da un po' di tempo, la possibilità di sviluppare chetoacidosi diabetica è inferiore rispetto ad alcuni individui. La chetoacidosi diabetica si trova spesso in soggetti a cui non è stato ancora diagnosticato il diabete; infatti, la chetoacidosi diabetica è spesso il primo segno che un individuo potrebbe soffrire di diabete. Detto questo, alcuni altri fattori possono sorgere e causare chetoacidosi diabetica in individui a cui era già stato diagnosticato il diabete. Per confermare la presenza di chetoacidosi diabetica negli individui, vengono eseguiti esami del sangue (e talvolta esami delle urine), spesso dopo che sono stati visualizzati alcuni sintomi. I sintomi più comuni sono coma, vomito e, in alcune situazioni, intensa confusione. Se non trattata o trattata in modo tempestivo, la chetoacidosi diabetica può essere fatale. Fortunatamente, grazie alla medicina moderna, il trattamento della chetoacidosi diabetica si traduce quasi sempre in una guarigione riuscita. Il trattamento comune della chetoacidosi diabetica richiede alcuni passaggi per garantire completamente che l'individuo sia al sicuro. Il trattamento della chetoacidosi diabetica inizia con la valutazione della quantità di liquido l'individuo ha perso. In molti casi l'individuo che soffre di chetoacidosi diabetica ha perso un'immensa quantità di liquidi e, successivamente, di elettroliti. In alcuni casi di chetoacidosi diabetica, la disidratazione può diventare così intensa da causare uno shock all'individuo che soffre di chetoacidosi diabetica. Questo è il risultato di una pressione sanguigna molto bassa, che non consente al sangue di fluire a sufficienza in tutti gli organi della persona. Il trattamento della chetoacidosi diabetica per questo è spesso una soluzione salina che viene infusa al paziente a una velocità molto rapida. Se la disidratazione non è così grave, la soluzione salina verrà introdotta nel corpo a una velocità più lenta. In quasi tutti i casi di disidratazione a seguito di chetoacidosi diabetica, la soluzione salina è il metodo di reidratazione preferito. A parte la reidratazione nel trattamento della chetoacidosi diabetica, l'insulina viene somministrata all'individuo. Se il livello di potassio del soggetto diabetico non è troppo basso, verrà somministrata insulina. Se la persona è troppo disidratata e i suoi livelli di potassio sono troppo bassi, una grande quantità di insulina di solito porta a livelli di potassio molto pericolosamente bassi. Ciò significa che nel trattamento della chetoacidosi diabetica la prima priorità è la reidratazione, seguita dalla somministrazione di insulina una volta che l'idratazione è stata curata. Sebbene una corretta reidratazione e la somministrazione di insulina siano standard per il trattamento della chetoacidosi diabetica, alcuni medici e operatori sanitari ritengono che sia anche utile somministrare bicarbonato di sodio. Il motivo è che affermano che migliora i livelli di acido nel sangue della persona abbastanza rapidamente. Mentre alcuni studi suggeriscono che il bicarbonato di sodio migliora l'acidità del sangue della persona, potrebbero esserci effetti negativi. Alcune persone credono che l'acidità all'interno delle cellule della persona possa essere peggiorata dalla somministrazione di bicarbonato di sodio, quindi spesso non è inclusa nella maggior parte dei piani di trattamento della chetoacidosi diabetica. Con i suddetti passaggi del trattamento della chetoacidosi diabetica, il risultato è generalmente abbastanza buono se trattato in modo tempestivo. Sfortunatamente, se lasciata incustodita per troppo tempo, la chetoacidosi diabetica può essere fatale in molti individui. Ecco perché è bene conoscere i segni della chetoacidosi diabetica, quindi se tu o una persona cara state riscontrando sintomi, sarete in grado di identificarli immediatamente e portare voi stessi o questa persona da un operatore sanitario per una corretta chetoacidosi diabetica trattamento.

Una dura realtà – Come gestire la malattia renale nei diabetici

Tutti i nefrologi sanno che non c'è niente di più sicuro della malattia renale nei diabetici. Il 46% delle cause di tutte le insufficienze renali registrate nelle cartelle cliniche sono legate al diabete, una malattia orribile e lenta dalla quale alle persone non è stato insegnato abbastanza a stare alla larga. Ci sono anche molte idee sbagliate comuni riguardo al diabete, come il fatto che lo si ottiene mangiando troppi dolci, che le persone con diabete non possono mangiare dolci, che non è una malattia molto grave e altri miti simili che hanno, in tempo, è stato messo da parte da coloro che hanno accettato di saperne un po' di più. La dura realtà del diabete è il fatto che non sappiamo ancora con certezza cosa lo causi. Sappiamo che può essere causato da alti livelli di stress, colesterolo molto alto, livelli costantemente elevati di colesterolo e altre malattie esistenti, come la pancreatite. Molte persone pensano che il diabete sia causato dall'obesità, quando in realtà le stesse cose che causano l'obesità – mancanza di esercizio fisico, cattiva alimentazione – causano anche il diabete, mentre alcuni dei risultati dell'obesità – livelli elevati di colesterolo, livelli elevati di zucchero nel sangue – potrebbero causare il diabete. Tuttavia, ciò che i medici hanno imparato a fare bene è leggere i segni e sapere quando indicano i sintomi della nefropatia diabetica e cosa aspettarsi, come le malattie renali nei diabetici. Ma perché la malattia renale nei diabetici è una certezza? Secondo la fisiopatologia della nefropatia diabetica, gli elevati livelli di zucchero nel sangue portano ad un danneggiamento dei vasi sanguigni, compresi quelli del rene, che iniziano a fuoriuscire e non possono consentire all'organo di svolgere la sua funzione principale: la pulizia del sangue e bilanciare i livelli di varie sostanze nel corpo e nel sangue. Anche nel caso del diabete, i problemi renali di solito si sviluppano nel tempo e alla fine portano a un luogo in cui è necessaria la dialisi. Attraverso la dialisi, le funzioni dei reni sono assunte dalla macchina che aiuta a ristabilire il corretto equilibrio delle sostanze nell'organismo attraverso l'eliminazione delle tossine e l'introduzione delle sostanze di cui l'organismo ha bisogno ma di cui è carente. Nella maggior parte dei casi, se non in tutti, le persone che iniziano la dialisi non possono mai tornare alla loro normalità Lives e diventare dipendenti dalla procedura. Malattia renale nei diabetici significa perdita graduale delle funzioni renali, fino fino al punto di insufficienza renale cronica e insufficienza. Ci sono alcune cose che le persone con diabete devono aspettarsi di cambiare il loro stile di vita quando la diagnosi è scolpita nella pietra. La dieta deve cambiare e ci saranno alcuni farmaci che dovranno assumere. Di solito il cocktail di farmaci è quello che un buon medico dovrà preparare e cambiare a seconda di come si sente il paziente. Un diabetico può controllare la propria condizione e davvero posticipare l'aggravamento della malattia, anche se c'è una certezza così alta di malattia renale nei diabetici.

Lascia un commento